Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

A musica da mamma

Vernacolo

A museca d’a mamma



Pe certi cose e propio grazie a te
‘o munno è cchiù ciancioso e saje pecché?

Sì jonta ca arrefonne e porta l’acqua
quaterna ca te regne  ‘a capa stracqua
urchesta ca nun sona maje patacche…


‘A vita cu te ainto è nu ricamo
luntano a chistu munno stritto e nfamo.


Ogge  nun  dico niente e me suppuorte
n’o saccio ma pe’ me sì casciaforte
museca ca m'arape tutt'e porte.


Grazie a sta mamma  a sciorta è na signora
into a stu tiempo malepavatore!


Urdema e primma fronna ‘a cchiù gentile
giglio ca va sguiglianno ‘o mese ‘e abbrile
canzone ca te sona sempe ll'ora.

Luntano ‘a te è carcere stu juorno
c'o sole ca me gira attuorno-attuorno!


Ai voglia ‘e te danna' scusenno o’ core
nun c’è bisogno e’ ave’ nu cusetore:
ogge e pe’ sempe sona e canta ammore!

Claudio Burelli

Genova  2 Novembre 2019

Torna ai contenuti | Torna al menu