Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Amica mia

Amicizia

“Amica mia”


Amica cara di tante giornate,

trascorse insieme a tirare le pietre,
nel lago d’Osiglia o su spiagge assolate,
a parlare di sogni di viaggi e  risate.

Erano anni diversi e più  lievi,
con tanta  gioia da vivere   insieme,
i bimbi che giocano sporcando i vestiti,
e noi  fingevamo di essere arrabbiati.

Sei sempre stata un’amica importante,
si parlava di tutto  nascondendo mai  niente,
si pensava con fiducia  al domani,
immaginandolo    migliore di ieri.

Poi la vita con i figli che vanno,
ci porta a percorrere strade diverse,
io che ancora adesso non mi rendo conto,
di dove sono andato nello spazio di niente.

Son diventato  nonno, chi lo avrebbe mai detto…
se non fosse per Lei  mi sarei già perso,
è il mio faro  che illumina tutto,
chissà che trovò  in me…  lo hai sempre detto.

Sai,  cerco sempre di stargli vicino,
con discrezione per non fargli pesare,
quei  giorni uguali troppo  lunghi da passare,
e tu da lassù che  conforti il suo cuore.

Amica cara, non è certo il tuo posto,
dove sei adesso aspettando l’aurora,
vivi  nel vento nei germogli di Aprile,
immagino  di rivederti sorridere ancora.

Claudio Burelli


Genova 1 Novembre 2016

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu