Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Amore e anarchia

Amici

Amore e anarchia

Lunghi istanti a inseguirci con gli occhi,
in mezzo alla gente immaginar d’esser soli,
parlar di tutto senza dire mai niente,
sentir la pelle arrossire nell’esser  vicini;

La guerra del Vietnam, Alan Ford, l’Università,
situazioni vere miste ad altre inventate,
nelle sere di luna in estate,
impregnate di sogni, utopie e battaglie.

Quando cantavo “Pensiero d’ amore”,
tu mi guardavi da dietro le ciglia,
non capivi che ti volevo mia,
o forse sapevi, e  ti piaceva così;

Un dì te ne andasti lasciandomi appeso a quel filo,
laddove rimasi aggrappato  per sempre,
acerbo amore “fiore non colto”,
o certo si, ma non voglio saper da che mano.

Nessuno potrà dirmi  cosa sarebbe successo,
a volte penso di esserne sicuro,
altre invece di essermi tutto inventato,
e resto vuoto nell’anima  a parlar col silenzio,
mentre scappa il pensiero e fugge lontano,
a cercar proprio “te amica giovinezza”,
ciò che anelavo lo sai, non mi hai concesso,
e ciò che ho avuto… non è quel che sognavo.

Molto è passato, restando ben  vivo il ricordo,
solo l’ambiente intorno è lentamente cambiato,
nella lotta di classe studentesca e proletaria,
rimane qualche istantanea sbiadita nel cassetto;

Io resto uguale, ciò che odo adesso, l’ho sempre sentito,
e credo ancor piu fermamente in ciò che provavo,
di tanto che avevo  mi resta  solo  la mia antica poesia,
insieme  al  pensiero sempre più libero e  anarchico,
oltraggiato  dagli anni e ridotto  in sol  malinconia.

Claudio Burelli

Genova  15 Maggio 1999

Torna ai contenuti | Torna al menu