Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Clochard

Clochard

Clochard


Lampeggiano le luci tutto intorno
a rischiarar la  notte  prepotente
sotto il cartone aspetto che sia giorno
con l’ amarezza che non cambi niente.

Il freddo punge e l’aria già colora
con il pennello saggio dell’artista
la prima luce di una calda aurora
lo stanco pedalare di un ciclista.

Raccolgo quattro stracci e mi incammino
sulla mia strada regno di un pezzente
ho fatto a botte sempre col destino

che  a me  si  e’ ribellato ed  è furente.
La vita l’ho bruciata col cerino
all’aria aperta o sotto il sol cocente.

L’attimo mio fuggente
e’ gia passato e non può  ritornare
sono un  clochard un cane da scansare.

Claudio Burelli

Genova 7 dicembre 2019

Torna ai contenuti | Torna al menu