Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cocci di bottiglia

Elba

“Cocci di bottiglia”


Ti vedo in lontananza, terra mia !
I verdi ulivi, e il mandorlo già in fiore,
lontano dal frastuono e la follia
d’un era, questa, vuota e senza cuore.

Il campanile aguzzo, mi saluta
e mi rimanda il suon della campana.
Ai bordi della strada erba cresciuta
che attenua il gracidare d’una rana.

Son cocci di bottiglia sopra il muro,
( a contrastar fantasmi senza nome );
fatue barriere d’un ricordo oscuro

e in alto, rossi nembi , qual presagio
che fan dimenticar perfino il…”come”
( ma termina di già, il mio viaggio !!!) .

Claudio Burelli


Marina di Campo (Isola d’Elba)  20 Maggio 2017

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu