Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Secondo genito

Cavalleresco

“Secondogenito”



La colpa mia non esser nato prima,
e sempre  viver dietro almeno un palmo,
anche se su di me sento la stima,
ma vivo i giorni miei per niente calmo.

Non  potrò mai contare sul blasone,
e nemmeno su un  titolo  sovrano,
mio fratello… diventerà Barone!
Ed io col mio cavallo, andrò lontano…

Il mio scudiero fissa già la sella,
nel cuore lo sgomento dell’ignoto,
l’ultimo sguardo cerca la donzella,

“il cuore mio” a Lei  sempre devoto.
Il Sire  se la scelse a damigella…
Mentre  l’amore mio è ormai remoto…

Claudio Burelli

Genova 6 Aprile 2018

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu