Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Contessina

Amore

“Contessina”

T'osservo, ascoso, dietro la celata
sfiorandoti col battere di ciglia;
con quei capelli neri, come fata..
radiosa, quale Venere in conchiglia !

Giammai potrò parlarti del mio amore
( sei già "promessa" a chi non sa apprezzare) .
Ma sol per te, lo sai, batte il mio cuore
e, giuro al cielo!...”Mai potrà cessare” !

Son Cavaliere errante e senza terra;
ho solo una  corazza ed un cavallo:
Il mio mestiere è quello della guerra.

Di Re, son servitore o di Vassallo.
Il Fato tuo sarà di gran signora..
e il mio ? In questo guscio di...metallo !

( Claudio Burelli )

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu