Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Un signore demodè

Nostalgia 2

“Un signore demodè”

Guardavo da lontano, ogni mattina
che uscivi piano pian dall’ascensore;
viso sbarbato…e pur la brillantina !
L’aspetto demodè, da gran signore.
Il tempo non è stato  gran tiranno
( risparmiando magagne e malattie).
La vita è poi volata, d’anno in anno
nel tuo percorso , fra impervie vie.
Con ogni tempo e con i fiori in mano,
davanti a quella pietra colorata,
sostavi muto e col pensier lontano.
Ma un giorno il cuore tuo battè più piano;
sentivi un fuoco dentro..una frustata !
ma ecco udir la voce…come arcano..
“...or prendi la mia mano,
son qui per te..io sono la tua sposa…
or dunque, vieni qui..e con me,riposa !! ..."

Claudio Burelli

Genova 22 Luglio 2017

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu