Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

quella brezza della sera

Colleghi

Quella brezza della sera



Brezza di sera che spira  lontano
soffia Leggera gioisce la mente
è nostalgia  se la tocchi con mano
entra nel cuore  e ribatte  fremente.

Quaranta le perle in quella collana
gli anni vissuti che mai torneranno
dolci e sinceri come l’ alba elbana
altri aspri ed amari   trascorsi in affanno.

Bello pensare a quel luglio passato
tempo trascorso tra l’onde a  sognare
il grande  amore da sempre agognato
quella  divisa che mai puoi scordare

Gioia e rispetto per la professione
sì  tanto amata  dal primo momento
che  varcammo la soglia   a Pammatone
placche sul cuore e i capelli nel vento.

Vive memorie di  augusti momenti
ore e  poi  giorni con anni e   anni veri
mutano il viso  graziando le menti
quelli che fummo… domani con  ieri.

Ciascuno di noi per diversa  strada
raccoglie ciò che la sorte ha serbato
altri stanno in ben altra “contrada”
 ghermiti e vinti da un fato spietato.

Son tutti  qui:   non possono mancare
brindiamo tutti insieme in alto i cuori
vanto ed onore ai  grifi  da amare
ognuno ricco e colmo di valori.

Questo giorno di  gioia e allegria
Sia   bandiera a un  futuro sereno
anni lieti con amore e ironia
spirto ardente e intelletto mai meno.

Claudio Burelli

Genova 28 Maggio 2014

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu