Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'amicizia

Amici

L’amicizia



    Non amo tenere il mio cuore prigioniero delle perfidie, delle invidie, delle cattiverie gratuite  non meritate, non voglio il mio cuore legato ad una catena  pesante, opprimente e  difficile da spezzare,  voglio che  il mio cuore sia  libero di pensare, di decidere il cosa fare, di andare dove vuole,  lo voglio convinto di ciò, perché  esso è sempre stato il mio modo di vivere,  fuori  da ogni vincolo, nemico dell’ipocrisia e del sotterfugio.

    Solo e nessuno può entrare dentro il mio cuore, se non non prima mi mostra amore.
Non l'amore materiale, ma l'amore che a tanti manca, quello sconosciuto ai più, quello  che si chiama fratellanza!

    Un buon ricordo di te lo lascerai  allorquando entri nella vita di qualcuno, e non sarà facile, perché dovrai  farlo in silenzio, con umiltà,  in punta di piedi, chiedendo ogni volta  il  permesso per poterlo fare;
quando sarai entrato e, solo allora, esso ti chiederà in silenzio la tua presenza  nelle giornate incerte, soprattutto, quando lui  riuscirà a capire che  essa è frutto del tuo voler bene senza ottenere niente in cambio che la tua riconoscente amicizia.

    Solo chi ci vuol veramente bene può farci  notare i nostri errori.
Solo chi tiene veramente a noi, oserà muoverci una critica.
Solo gli amici leali ci diranno quando il nostro viso è sporco, chi invece fa dell’amicizia un alibi per il suo tornaconto personale,  guarda, tace, magari gioiendo del nostro malessere  passa oltre, verso il mare oscuro  della sua indifferenza.

    Tu, ascolta con orecchio attento l'amico che ti consiglia; pesane le parole e trai insegnamento da esse; escludi la menzogna,  cerca in esse la verità; trova conforto in ciò che ti dice; allontana il dubbio.
Facile risulta seguirne il passo, il difficile è trovare l'amico.
Alla fine dei conti, pesando il prò ed il contro, ti accorgi che gli amici  veri, forse, non li hai mai incontrati, hai avuto tanti complici, quello indubbiamente,  con i quali hai vissuto, anche bene, ma quando la complicità cessa, l'amicizia svanisce e resti solo con i tuoi errori e la tua impotenza.

    Per me è diverso, io posso vantarmi, ed è un privilegio,  di poter contare su un gruppo di persone che possiedono la peculiarità intrinseca che contraddistingue gli amici, da comuni conoscenti, anche se, và detto,  non vedo per anni; con loro ho cavalcato a lungo, percorrendo insieme  gran parte della mia vita.

    Ogni tanto amo ricordare quel percorso, assai lungo ma che sembra durato il batter d’un  ciglio,   riavvolgendo  il nastro in cui è inciso nel posto più recondito  del mio cuore, mi accorgo che sono stato un uomo fortunato, e allora un po’ di malinconia mi assale ed ecco  una lacrima fortuita solcare il mio viso oltraggiato dallo scorrere degli anni,ma è solo un attimo, improvvisamente  ecco il segnale tanto atteso,     mi state chiamando, vi ricordate di me, ecco ci rincontriamo un’altra volta,  ed è come essersi lasciati da poche ore, perché il vero amico è un raggio di sole che scalda le giornate più fredde, quelle che ancora non sono arrivate e quando arriveranno Voi ci sarete …Sempre… ed io con Voi…


      Claudio Burelli                      

Marina di Campo (Isola d’Elba) 2 Giugno 2016


Torna ai contenuti | Torna al menu