Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il mare in tasca

Emigrazione

Il mare in  tasca  

A te saluto,

colle scosceso nel verde antico
di lontane dimore....
A te saluto,
campana di San Piero.
Lascio che il tuo dondolio
riconosca del giorno…
il sospiro come ogni giorno
passato e che sarà.
Ti vedo già scomparire in lontananza,
avvolta da nubi bianche
a farti da  corona,
sento  ancor l'odore tuo
sulla mia pelle
e del mio essere il lamento..
Andar non vorrei...
Ma ecco, già pregusto, l'aria del ritorno...
A te mare,
non voglio salutare...
ti serro  in una mano,
chiudendoti nella tasca della vita mia…
Ma a te saluto terra mia,
dove un giorno tornero',
per restar  per sempre…
a riposar sulla collina.

Claudio Burelli
Genova 3 Luglio 2018

Torna ai contenuti | Torna al menu