Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

La freccia di Cupido

Storia

La freccia di Cupido


La bella Elèna vide il suo troiano
e il cuore le si aprì seduta stante
in un sussulto fuoco di un vulcano
e l’erba del suo petto rampicante

colmò potentemente il suo cervello.
La freccia di Cupido arroventata
tutta le penetrò come un coltello,
scuotendole la testa sciagurata

e Paride fu in breve tramortito
dagli occhi e da quel corpo risplendenti
un attimo e il dovere ormai svanito
gli regalò momenti sorprendenti.

Lutti infiniti sangue guerra e notte
Omero si accecò per quelle lotte.

Claudio Burelli

Genova 8 Agosto 2019

Torna ai contenuti | Torna al menu