Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Quel raggio d'argento

Famiglia

Quei raggi d’ argento



Andasti  via appena all’ albeggiare
seguendo muti raggi e scie  d’argento
senza poterti almeno  salutare
o ascoltare il triste mio   sgomento.

Tanti progetti   a questo cielo resi
mille parole ancora    da ridire
pur tollerando sconvolgenti pesi
del gretto male nodo da scucire.

Ora sei  luce bianca  del  mattino
e nell’ aprire il giorno alla finestra
sei tu la  stella  rosa del giardino
negli occhi di mio figlio  o la ginestra.

Il veliero  che avevi su  allestito
attende al buio di solcare   mare
ignaro del tuo essere svanito
volendo e non potendo  navigare.

Mi manchi sempre più mio caro Zio
forse non so neppure  dirti  quanto
mi pesa   questo amaro  triste addio
anche se ancora sembra averti accanto

e ti riscopro  là sulla  collina
mentre riabbracci chi ti ha preceduto
sfiorar la terra amata   e la cascina
in cui nascesti e dove  sei cresciuto.

Claudio Burelli


Genova 26 Febbraio 2000

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu