La stirpe di Pilato - Claudio Burelli la Poesia in Genova

Sito di poesie di Claudio Burelli
la Poesia in Genova
Vai ai contenuti

La stirpe di Pilato

Religione
La stirpe di  Pilato
 
Le mani si lavo’
 
in quel catino
 
con l’acqua che di sangue
 
ribolliva
 
il popolo Barabba liberava
 
lasciando a “Lui”
 
i chiodi e della croce il legno.
 
Quel dubbio gli rimase
 
appeso addosso
 
misfatto mai trovò
 
nell’imputato.
 
Le sue parole non
 
vomitano violenza
 
e contro Roma
 
non aizza mai tumulto.
 
Risente quei lamenti
 
soffocati nel dolore
 
di un corpo
 
da cento  scudisciate
 
alla colonna  con violenza
 
martoriato.
 
Troppo il supplizio!!!
 
E ingiusta appar la pena.
 
Ma quel verdetto
 
or or
 
sul Golgota si compie
 
E dannato io saro’
 
O gia lo sono?
 
Disonore è scritto
 
io  portero’
 
per sempre  addosso.
 
Marchiata nell’infamia è la mia stirpe.
 
Mai fossi nato…
 
O forse naqui proprio
 
e sol
 
per questo.
 

 
Claudio Burelli
 
Marina di Campo (Isola d’ Elba) 17 Agosto 2020
Torna ai contenuti