Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il respiro del vento

Nostalgia

“Il respiro del vento”.



In questa notte triste e tenebrosa,
resto nel letto sveglio  ad ascoltare
la vita fuor che dorme silenziosa,
e intorno sento il vento respirare!

Domani all’alba, haimè… dovrò andar via.
La vita ha già deciso in altro modo…
Ti lascio un’altra volta … terra mia!
(Tanta tristezza… e sento in gola un nodo!).

Il pendolo già batte mezzanotte,
mi alzo insonne ed esco giù in giardino,
il buio senza luna tutto inghiotte,

ma  lenta  l’amarezza scorre via.
( E quel “respiro” avverto dolcemente…)
e sento ritornare l’allegria!

Claudio Burelli


Genova 2 Ottobre 2017

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu