Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il fantasma del castello

Cavalleresco

“Il fantasma del castello”


Lo spettro del castello incatenato,
vaga di notte e non ritrova pace,
cammina a passi lunghi ed accigliato,
ripensando  ad ogni  attimo fugace.

Da secoli rinchiuso nel maniero,
che ha visto la grandezza del casato,
la spada e la corazza col cimiero,
or stanno senza gloria nel fossato.

Meglio morir di spada all’arrembaggio,
a testa dell’esercito crociato,
per non  scoprire mai il libertinaggio,


della sua amata dama che ha lasciato.
Scoprì  la tresca ed uccise il paggio!
…E la pena?… per  sempre incatenato!

Claudio Burelli


Genova 4 Aprile 2018

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu