Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Rimembrando

Colleghi

Rimembrando



Saran  certo   gli anni,
quelli, fin qui vissuti,
o forse  le ferite
causate dagli affanni,
che mi  han reso  avaro
di parole ,
urlate al vento e alle tempeste.

Son diventato parco di verdi  sentimenti,
frutti  ancor più rari, in questo astratto mondo.
Posso  però rimembrar ricordi,
di  passata vita insieme a voi,
libero sulle ruote di una moto,
rossa e fiammeggiante,
lanciata in una strada buia,
irta di curve  e crocevia,
guidata  con mano ferma
e cuore senza affanno.

Notti  colme di  stelle,
si  alternan a giorni caldi  afosi,
come granelli di un antico rosario,
che il tempo recita perfidamente,
con nenia e cantilena amara,
quasi a ricordare  beffardamente

il modo con cui si sono inseguiti
e raggiunti…
Troppo presto…
per esser  mai più  …scordati.



Claudio Burelli

Torna ai contenuti | Torna al menu