Claudio Burelli la Poesia in Genova

Vai ai contenuti

Menu principale:

Correva l'anno 1974

Colleghi

“Correva l’anno 1974”




Ho pensato tante volte a questo giorno,
trent’anni sulle ali di  in un momento,
se chiudo gli occhi rivedo tutt’intorno,
la gioia degli anni verdi ormai  nel vento.

Rimembro ancor  Tursi e  quel salone,
capelli lunghi e barba rada attorno al mento,
il cor parea scoppiar dall’emozione,
quando firmammo insieme il documento.

Anni leggiadri in cui tutto parea sereno,
ricordo s’andava in servizio con gioia e voglia,
sebben già allora in strada respiravi quel veleno,
E della Sezione non vedevi mai nemmen la soglia.

In quegli anni ben pochi  i diplomati,
ma in compenso alti e per le dame belli,
dalla città intera senz’altro ricordati,
non sol per irrogar  multe e balzelli.

Il tempo ci ha cambiati nell’aspetto,
ma in ognun di noi rimane la certezza
che niente  può cambiar  senza rispetto
se al pugno  non aggiungi una carezza.

Nel cuore sempre chi manca in stò momento,
chiamato troppo presto a render il vestito usato,
a lor dedico questo insulso scritto e anche l’evento,
che per trent’anni nel mio cuor ho accarezzato.

L’augurio di ritrovarvi ancor in tal  contesto,
scordando le amarezze che il tempo non c’ha negato,
mi piace pensar che a volte può bastar un gesto,
per ritrovar chi conosci da sempre e poco amato.


Claudio  Burelli

11 Maggio 2004

Torna ai contenuti | Torna al menu